I laboratori di lingue

L’apprendimento delle lingue straniere trova nei laboratori maggiore evidenza ed elevati livelli di acquisizione, rispetto al tradizionale sistema di insegnamento. I laboratori linguistici favoriscono anche un alto grado di sviluppo delle abilità, il lavoro collaborativo di squadra, eliminando così le barriere socio-temporali, e allo stesso tempo sollecitano l’alfabetizzazione digitale.

Il team di formatori è composto da docenti madre lingua che sulla base dell’età dei partecipanti, regola le modalità di svolgimento dei laboratori.

Per bambini da 5 a 12 anni:

I laboratori si svolgono in lingua, secondo modalità di

  • gioco di gruppo e di interazione
  • rappresentazione teatrale di favole, canzoni e filastrocche
  • attività motorie e da tavolo
  • attività manipolative
  • ascolto storie in lingua

Per ragazzi dai 12 ai 19 anni (suddivisione tra scuola primaria e secondaria):

I laboratori si svolgono in lingua, secondo modalità di:

  • supporto all’attività didattica
  • fonetica e ascolto attraverso visione e studio di film in lingua
  • scrittura in lingua in forma di poesia, racconto, brevi testi di messaggistica

Per gli adulti

In questi laboratori un “facilitatore linguistico” propone l’apprendimento delle lingue straniere per italiani che necessitano di recarsi all’estero per viaggi di lavoro o di piacere ed hanno necessità di apprendere un linguaggio di base per esprimere una domanda, rappresentare un bisogno, chiedere aiuto, richiedere informazioni… Ma anche di lingua italiana per stranieri che, come le badanti, baby sitter, collaboratori domestici hanno necessità di apprendere l’italiano per favorire la ricerca di un lavoro o migliorare l’apprendimento già avuto.

In ogni caso i laboratori sono organizzati definendo programmazioni individualizzate o di gruppo, condividendo obiettivi, strategie e strumenti.